Indice


Indice analitico

PAROLE D'AMORE

DAL CUORE DEL PADRE
DAL CUORE DEL FIGLIO

pagina 26
 

 

 

 

armare i vostri bracci, a levare i vostri visi, a indirizzare i vostri sguardi, a cullare i vostri bimbi, ad accarezzare i vostri amanti, a baciare i cari visi di coloro che vi sono vicini.
Amore, ancora amore desideriamo che sgorghi nel tuo cuore, che amore conosce e che amore propone a tutti coloro che ti sono vicini, perché è così che si accende la loro anima, affinché anch'essa cominci a bruciare dello stesso tuo amore, e a illuminare chi di questo amore ha bisogno per ritrovare la speranza, per ritrovare la pace, per ritrovare la via su cui muovere i propri passi, quando questi si sono persi nel buio del dolore e delle umane tribolazioni, nella tristezza della sconsolazione e nell'amaro della delusione.
Noi ti siamo vicini, ora più che mai, e con te preghiamo mentre ascoltiamo le necessità delle anime che a te si rivolgono in attesa di aiuto e di consolazione, di appoggio e di sostegno, di comprensione e di amore.
Non è che l'inizio. Sia benedetto il Signore e sia benedetto in eterno.


Anna Maria


Non credere che tutti non                                                                          25 Giugno 1989
desiderino provarlo, questo stesso
tuo amore, ma la paura li frena
e li tormenta e li distoglie dal vero sentire,
così come Dio avrebbe concepito per loro,
perché figli del Suo stesso amore.


Lo so che hai sete, sete di quello che ti dico per alimentare in te la fiamma dell'amore divino, perché questo è il tuo compito ormai, mia cara, di portare nei cuori questo tuo stesso amore.
Non credere che tutti non desiderino provarlo, questo stesso tuo amore, ma la paura li frena e li tormenta, li distoglie dal vero sentire, così come Dio avrebbe concepito per loro, perché figli del Suo stesso amore.
Non ti stancare, mia cara, di portare questo amore, di vivere con il

 


 
Indietro

PAROLE D'AMORE

DILECTUS MEUS MIHI ET EGO ILLI


Home

Avanti