Indice


Indice analitico

PAROLE D'AMORE

DAL CUORE DEL PADRE
DAL CUORE DEL FIGLIO

pagina 346
 

 

 

Non perdono Io chi con costanza                                       
chiude il suo cuore perché
nella felicità Io ho creato e tutto
attorno a Me felice deve essere,
ciò che da Me è provenuto e dò
che a Me deve ritornare, a Me
che sono Trino nella tripolarità
di Me stesso che tutto a voi ho
donato di Me stesso, l'immagine
Mia benedetta, il pensiero Mio uguale,
la forma Mia inserita.

 

 

 

 

3 Gennaio 1991


Il dolce cuore tuo vibra giustamente di amore grande,
così come ogni cuore sempre dovrebbe vibrare di amore,
e si spegnerebbe così, soffocato, ogni altro sentimento doloro
che nessun frutto porta sull'albero della vostra vita
e che anzi secca i rami
e secca il tronco atrofizzato dalla lunga agonia
dei mancati sentimenti di amore - e di amore giusto -
che lo stesso seccare lascio quando si intestardisce
l'amato cuore vostro
nella mancanza di amore,
nel mancato desiderio di comunicare amore a chi vi sta accanto
così come a chi non vi sta accanto,
ma che comunque delle vostre vibrazioni di amore vive e
sopravvive,
perché vive la vostra amata persona di figli Miei diletti,
vive il vostro cuore di.creature Mie amatissime
solo della linfa vitale di questo "amore"
che vi lega a Me, vostro Padre,
che con amore vi ho fatti e con amore ancora vi considero
e con amore ancora vi mantengo in vita,
nonostante tutto, soprattutto il mancato vostro riconoscimento
che, se ancora sopravvivete e che se da sempre sopravvivete,

 

 

 
Indietro

PAROLE D'AMORE

DILECTUS MEUS MIHI ET EGO ILLI


Home

Avanti