Indice


Indice analitico

PAROLE D'AMORE

DAL CUORE DEL PADRE
DAL CUORE DEL FIGLIO

pagina 390
 

 

 

 

 

per essere parte del mondo attivo delle cose
nella sua funzione originaria
per cui quella cosa - o quell'essere - creata era stata,
ma volutamente di "cosa" ho parlato
perché anche le cose partecipano attivamente al gioco dell'errore,
per cui erroneamente interpretate
o malamente usate possono essere,
creando così scompiglio profondo nell'ordine precostituito originario,
come ora ti puoi immaginare che profondamente mutato è,
dal suo stato originario, questo stato delle cose
che invece con tutte le nostre forze di potenze superiori celesti,
ci battiamo per riavere e per ridonarvi.
Ho detto ridonarvi perché nonostante tutto,
nonostante il tradimento vostro continuo
all'amore di Dio Padre Onnipotente
- sia benedetto il Suo Santo Nome in eterno - per voi,
nonostante dunque il vostro tradirLo continuo
nel momento in cui dalla parte del nemico passate,
sempre e comunque desidera il Signore Iddio,
Padre Onnipotente, Creatore del Cielo e della terra,
a voi ciò che originariamente era vostro in usufrutto di ridonarvi,
perché questo era il motivo primo
per cui ogni cosa era stata creata,
affinché voi, Suoi figli amatissimi, del suo uso poteste fare uso
mantenendo per voi i frutti di tale uso,
senza che comunque nulla vi appartenesse,
perché tutto un solo e un solo padrone in sé riconosce che è Dio,
l'Onnipotente, il Padre supremo di ogni cosa del Creato
che da Lui proviene e che Lui, e solo Lui, mantiene in gestione
fino alla fine dei tempi dei tempi,
e dunque al ripristino dell'ordine siamo noi Angeli preposti,
perché non possiamo a Dio restituire
ciò che nella sua natura è stato maleusato,
ma Noi e solo Noi, nella lotta, con voi,
nel nome del Signore, sempre vincere potremo.

 

 

 
Indietro

PAROLE D'AMORE

DILECTUS MEUS MIHI ET EGO ILLI


Home

Avanti