Indice


Indice analitico

PAROLE D'AMORE

DAL CUORE DEL PADRE
DAL CUORE DEL FIGLIO

pagina 419
 

 

 

 

 

che mai oseresti tu pensare quanto possa, questo Mio Corpo,
essere oltraggiato ed essere alterato, nelle fattezze sue umane e nel
vestimento suo umano,
ossia nell'apparenza sua divina,
che tutto ciò che di Me divino era,
umanamente rivestiva ma che pur sempre divina era,
e dunque calda di amore deve essere per Me la tua vita,
ché questo lo in particolare a te chiedo,
e da te in particolare amo lo ricevere ed attendere,
a sanamento del vituperio continuo
che della Mia dignità fa scempio. .


Lo Sposo tuo amato: il tuo Gesù


Ancora non è chiaro al cuore                                                          7/8 Maggio 1991
vostro quanto importante sia il
pensiero vostro che all'azione già
vi predispone e che l'azione vostra
di "bene" ossia di positivo e di
operativo carica o in "male" ossia
in negativo e infruttuoso o erratamente
fruttuoso, carica e scarica.


A te che dolcemente ti appoggi sul Mio Seno di Sposo
e del Mio Cuore ardente di amore condividi il battito,
vada questa notte l'afflato di tutto il Mio amore santo per te,
che con amore immenso e infinito Mi pensi,
e per tutte quelle anime che ancora, oggi più che mai,
hanno bisogno del Mio amore per placare il loro cuore
che ancora non sazio, come il tuo è sazio, è dell'amore Mio celeste,
perché ancora non hanno imparato, come tu hai imparato,
a rivolgere a Me prima di tutto ogni loro sospiro e ogni loro anelito,
affinché sempre possa lo consolare il loro cuore afflitto
quando afflitto è il loro cuore da umane preoccupazioni
o da terrene insoddisfazioni o da dolori vari e di varia natura

 

 
Indietro

PAROLE D'AMORE

DILECTUS MEUS MIHI ET EGO ILLI


Home

Avanti